Skip links

Una nuova legge per valorizzare le dimore e i giardini di interesse storico e culturale

Una nuova legge per valorizzare le dimore e i giardini di interesse storico e culturale

L’obiettivo della nuova legge approvata dal Consiglio regionale è quello di valorizzare le dimore e i giardini di interesse storico e culturale. Uno strumento concreto per sostenere il recupero e il restauro del patrimonio artistico e delle bellezze del Lazio

Valorizzare le dimore e i giardini pubblici o privati di interesse storico culturale e promuovere attività di formazione e la nascita di startup giovanili nei settori del turismo culturale e dell’artigianato artistico di qualità. Questi gli obiettivi fondamentali della nuova legge approvata dal Consiglio regionale.

Interventi di recupero e valorizzazione, restauro, risanamento conservativo e manutenzione straordinaria.In tutti questi campi potranno essere richiesti i contributi da parte di Enti locali, proprietari pubblici o privati nei Comuni con meno di 30mila abitanti. La dotazione finanziaria è di 1 milione e 400mila euro tra il 2016 e il 2018.

Un nuovo comitato tecnico scientifico  per la gestione, l’indirizzo e il coordinamento che entro sei mesipredispone il regolamento di attuazione e le linee guida per i bandi di accesso ai finanziamenti. E grazie a una serie di convenzioni con le università saranno sostenute anche una serie di attività di formazione nel settore dei servizi storico-culturali e di conservazione e nel turismo.

Tra i criteri prioritari per l’individuazione dei progetti da finanziare ci sono il completamento di interventi di restauro già avviati con risorse pubbliche in particolare regionali, i progetti presentati da Comuni associati per la messa in rete di percorsi turistico-culturali, l’esemplarità dell’intervento come fattore di riqualificazione del contesto in cui si trova l’immobile, l’ubicazione del bene in comuni con popolazione inferiore a 30 mila abitanti, il grado di fruibilità al pubblico del bene, anche in termini di ricettività turistica.

Return to top of page