Skip links

Buschini: “A gennaio 52 milioni di euro per scuola e formazione”

Buschini: “A gennaio 52 milioni di euro per scuola e formazione”

“La scuola e la formazione continuano a rappresentare priorità nelle politiche dell’amministrazione regionale del Lazio. Con una nuova visione: connettere questi due ambiti direttamente al mondo del lavoro. A gennaio saranno presentati, infatti, sei nuovi bandi per un investimento totale di 52 milioni di euro. Il primo bando da 24 milioni sarà indirizzato per qualificare professionalmente gli inoccupati con particolare attenzione ai soggetti economicamente fragili. Il secondo, con uno stanziamento di 18 milioni, finanzierà attività artigianali e Pmi produttive. Per favorire l’ingresso e l’occupazione nelle imprese regionali sono previsti 4.5 milioni di euro in un bando specifico. Un milione di euro, inoltre, sempre per quel che concerne la formazione, sarà investito per la riqualificazione degli operatori sanitari: l’obiettivo è il conseguimento della qualifica di Operatore Socio Sanitario per oltre mille persone”.

Lo dichiara in una nota il consigliere regionale Mauro Buschini.

“Anche la scuola, come detto, beneficerà d’importanti contributi. ‘Professional Orienting Study Visit’ permetterà agli studenti dell’ultimo biennio di partecipare a percorsi di orientamento organizzati dalle scuole statali di secondo grado. Sviluppare percorsi legati al campo dell’Istruzione è, infine, l’obiettivo dell’avviso pubblico “Fuoriclasse”, finanziato con 5,1 milioni di euro che vuole aumentare l’occupazione dei giovani creando le necessarie opportunità per permettere agli studenti di prendere contatto con il mondo del lavoro già durante il percorso di studi così da ridurre sensibilmente anche la dispersione scolastica. Mettere in stretto contatto il mondo della scuola e della formazione con quello del lavoro è una strategia innovativa per cogliere i segnali di ripresa e creare nuova occupazione nel nostro territorio”.

Per maggiori informazioni visita la sezione : bandi regionali

Ufficio Stampa

Riccardo Strambi

Return to top of page