Skip links

Al via bando “Sapere i sapori” per l’attenzione all’alimentazione dei più piccoli

Al via bando “Sapere i sapori” per l’attenzione all’alimentazione dei più piccoli

Foto su (www.diregiovani.it)

“Sapere i Sapori” è il nuovo bando voluto dalla Regione Lazio presentato questa mattina a Roma dal presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti. Si tratta di un progetto regionale di comunicazione e di educazione alimentare rivolto agli studenti degli istituti scolastici della scuola primaria, media inferiore e del primo biennio degli istituti di istruzione superiore e degli Enti di formazione accreditati dalla Regione.

Il finanziamento pubblico complessivo per l’anno scolastico 2017/2018 è di 450.000 euro, 50.000 euro in più rispetto a quello dell’anno scorso, ripartito proporzionalmente rispetto all’intensità demografica: 60% alla provincia di Roma (240.000 euro) e 40% alle altre province (160.000 euro di cui 62.400 euro a Latina (39%); 51.200 euro a Frosinone (32%); 30.400 euro a Viterbo (19%); 16.000 euro a Rieti (10%).

A ciascun istituto è stata assegnato un contributo massimo di 2.500 euro, mentre una quota del finanziamento anche quest’anno sarà riservata alle scuole che si trovano all’interno dei territori colpiti dal terremoto. Obiettivi principali del bando sono quelli di fornire agli insegnanti delle scuole gli strumenti indispensabili per realizzare progetti e interventi di sensibilizzazione e formazione sui corretti stili di vita e sulle scelte alimentari consapevoli e responsabili da parte delle giovani generazioni, con particolare riguardo alle produzioni tipiche del Lazio.

I progetti di partecipazione al bando presentati dagli istituti scolastici potranno prevedere il coinvolgimento di studenti, professori e famiglie per la realizzazione di orti didattici; lezioni sulla corretta alimentazione, sulla stagionalità dei prodotti, su disturbi e abusi alimentari, sulla lotta agli sprechi, sulle eccellenze del territorio; e inoltre laboratori sensoriali, degustazioni, visite a fattorie didattiche, aziende di trasformazione e  istituti di ricerca del settore alimentare.

Return to top of page